Archivi tag: piano dei servizi

Uso e abuso della parola Amore. Il sindaco e l’assessore Masseroli presentano il PGT

  Images
 

Ieri il sindaco e l'assessore Masseroli hanno tenuto un'assemblea pubblica al teatro dell'arte sul PGT dal titolo PGT: Milano discute del suo futuro.

L'assessore Masseroli tessendo le lodi del suo piano lo ha definito il piano dell'Amore, forse in onore del partito del sindaco il quale a sua volta ha elencato agli architetti, costruttori ed alle associazioni presenti gli aspetti positivi del piano, "un piano che nel prossimo trentennio aumenterà il verde per 3 milioni di metri quadrati, raddoppierà il numero delle fermate della metropolitana e incrementerà i servizi per i cittadini: l'obiettivo è di non lasciare nessuno ad abitare a più di 500 metri di distanza dai trasporti pubblici. Il piano prevede anche interventi importanti di housing sociale – ha concluso la Moratti – e servizi, come asili e palestre, non dovranno distare più di 10 minuti dalle case dei cittadini". Il sindaco dice basta ostruzionismo ma si vanta dell'housing sociale non dice però che la quota del 35% di housing sociale (edilizia sociale, affitto moderato etc.) negli ambiti di trasformazione, negli scali ferroviari etc. è stata strappata faticosamente al partito dell'amore proprio grazie all'ostruzionismo che ha trascinato la discussione per sette mesi con lo scopo di portare su di essa l'attenzione dei cittadini. Letizia Moratti invita i cittadini a presentare le proprie osservazioni per dare consistenza al piano e l'assessore aggiunge che "dovranno essere approvate entro il 14 febbraio 2011, dal Consiglio comunale di Milano, una data che coincide con la festa degli innamorati e i milanesi hanno l'opportunitá di dimostrare il proprio Amore per la città". Torna a far leva sul sentimento/alismo dell'amore il sindaco che lamentandosi dell'ostruzionismo dell'opposizione dice "Non credo che questo sia nell'interesse della città. Mi auguro che l'opposizione dimostri Amore per la città, portando avanti proposte positive e non azioni ostruzionistiche" Ma quanto è realmente positivo questo PGT per i milanesi? Siamo sicuri che basti DIRE parole positive per FARE il bene della città? Carlo Maria Giorgio Masseroli è Assessore allo Sviluppo del Territorio con una laurea in ingegneria gestionale difatti il PGT adottato è a tutti gli effetti un piano gestionale. Il piano dei servizi si basa su tre principi cardine:

La Sussidiarietà intesa come metodo per la effettiva realizzazione e gestione dei servizi offerti.
Per principio sussidiario si intende un modello per il quale le varie attività che definiscono l’organizzazione della vita della città dovrebbero arrivare ad essere completamente svolte dai cittadini stessi (in forma associata e/o volontaristica) piuttosto che dalle entità territoriali amministrative più vicine ai cittadini stessi.

Si parte da una matrice dinamica della città che si vorrebbe e non da regole rigide. Il progettista da questo punto di vista è un facilitatore, non un “regolatore” ed ha funzione di indirizzo. L'amministrazione locale ha un ruolo di enabler, anziché provider dei servizi. La sussidiarietà orizzontale
prevede e promuove una varietà di modelli di erogazione dei servizi, con livelli crescenti di sussidiarietà e di autonomia dei privati (profit e non profit).

Il Flusso Continuo è il principio secondo il quale il Piano dei Servizi non deve produrre un’idea rigida e statica di quella che sarà la città futura, quanto piuttosto individuare un modello metodologico capace di aggiornarsi ciclicamente, adattandosi ai cambiamenti e alle instabilità tipiche delle metropoli europee contemporanee.

L'Ascolto della città consiste in un monitoraggio ampio, continuo e profondo della domanda di servizi che la città esprime in maniera tacita o esplicita. Con questo si sostituisce al vincolo la pratica dell'ascolto.

Infine il ruolo dell'attore pubblico.

Il principio non sottrae la responsabilità per lo svolgimento della funzione che rimane naturalmente in capo alla Pubblica Amministrazione, ma separa la sfera del finanziamento del servizio (che pure rimane in capo all’ente pubblico), da quella della gestione/erogazione, da cui l’ente pubblico
dovrebbe astenersi se ciò sia possibile e non comprometta l’esistenza del servizio.

Il piano dei servizi del PGT  parte dal concetto di modernità liquida del sociologo Bauman e lo usa per giustificare il passaggio della politica al servizio dell’economia anziché dei cittadini.

L'Ascolto.

Pur essendo l’ascoltare i cittadini un principio sacrosanto, contiene anche la rimozione degli standard. Ciò significa che, in assenza di un piano di verifica e di un preciso algoritmo per passare dall’ascolto agli obiettivi del piano , si può inserire nel piano qualunque obiettivo, magari facendolo imporre da una opportuna propaganda giornalistica.

Il Flusso continuo.

Il pericolo del continuo aggiornamento del piano, oltre che il costo, è rappresentato dalla giustificazione del non raggiungimento degli obiettivi: quando si vede che non si riesce a raggiungere un obiettivo si "aggiorna" il piano perché la situazione è "cambiata"
Il processo di produzione del piano inoltre rischia di essere troppo complesso per funzionare e, soprattutto, per essere controllato.

La Sussidiarietà.

Il principio di sussidiarietà finisce per essere il cavallo di Troia della privatizzazione dei servizi.

Nel paragrafo visione è chiaramente esplicitato il cambiamento di ruolo della Pubblica Amministrazione: da fornitore e gestore di servizi a un grande “Ufficio acquisti” che affida i servizi e la loro gestione ai privati. Il danno è duplice: 

Da gestione “per il bene comune” a gestione “per il massimo profitto”
Questo implica un aumento di costi per i cittadini, anche perché alcuni dei servizi, molti dei quali vitali [vedi acqua] vengono gestiti in regime di monopolio e quindi danno la possibilità di ricatto.

– L’Ente Pubblico perde il suo patrimonio di conoscenze. Abbiamo già visto il risultato di questo: ad esempio quando l’Ente pubblico deve poi costituire delle Authority di garanzia è costretto a prenderne il personale dalle aziende che l’Ente deve controllare perché solo loro hanno le competenze, e così si genera un inevitabile conflitto di interessi.

Il PGT poi parla di servizi localizzati e servizi da localizzare. I servizi localizzati sono il sistema delle infrastrutture ed il verde.
Secondo lo strumento perequativo ogni area, eccetto quelle già di suolo pubblico, possiede un indice volumetrico, anche se viene destinato a servizi (verde). Queste aree vengono chiamate 'pertinenze indirette' in quanto possiedono questo indice ma, proprio perchè destinate a servizio, non possono realizzarlo nell'area stessa. Con lo strumento della perequazione però le volumetrie potranno essere vendute ed andranno ad aumentare le volumetrie delle aree edificabili che cresceranno in altezza.
Quindi questo è il modo che hanno trovato per aumentare la volumetria a Milano e per costruire di più in cambio del verde. Per non parlare del fatto che la perequazione viene estesa all'agricolo parco sud.

Siamo proprio sicuri che l'intero piano rispecchi questo Amore per la città e per i cittadini?

PGT, la parola ora passa ai cittadini

Gruppo meetup Per un altro PGT

di Cinzia Bascetta