Ora non possono dire che non lo sapevano

Lettera inviata a tutti i consiglieri il 13 giugno 2010.

Egr.
consiglieri,
dato l'argomento che verrà discusso domani dal consiglio comunale sento il
dovere civico di mandarvi questo documento. E' la traduzione di uno studio
effettuato dal professor Vyvian Howard, tossico-patologo di grande fama,
vi invito anche a prendere visione del suo eccezionale curriculum nelle prime
pagine del documento.

Il dott.
Howard spiega i danni causati dalle emissioni di particolati sulla salute
umana.
Spesso sentiamo parlare di PM10 e di PM2.5 ebbene se ci fermiamo qui abbiamo una
visione limitata perché la nostra aria è piena anche di UFP o nano particelle
il cui diametro è più sottile di un ventesimo di diametro di un capello, molto
di più, praticamente è grande come un virus che è più piccolo di un globulo
rosso, a volte è persino più piccolo di un virus. Studi scientifici, che
potrete leggere in questo documento, hanno dimostrato che è nelle particelle
più piccole che si trovano le maggiori concentrazioni di diossina. Il PM2.5 può
raggiungere le parti alveolari più profonde dei polmoni da dove se è solubile
entra nel sangue altrimenti viene fagocitato dalle cellule spazzine e
trattenuto nei linfonodi per anni….. ma le UFP non vengono riconosciute dalle
cellule spazzine e, come molti virus hanno la capacità di attraversare le membrane
biologiche inoltre si ritiene che la loro motilità all'interno del corpo sia
alta. Mia madre mi raccontava che in passato, nel suo paese, quando non si
conosceva la causa della morte di qualcuno si diceva "è morto di morte
subito" oggi potremmo diagnosticare molte malattie ma per molte facciamo
finta di non conoscerne le cause, perché aumentano i tumori? Le patologie
respiratorie e cardio-vascolari? Perché gli aborti di donne potenzialmente
sane? No signora lei non è trombofilica ha solo una mutazione MTHFR in
eterozigosi, ce l'ha il 30% delle donne italiane…. Due aborti avvenuti con le
stesse dinamiche di una trombofilica pur avendo solo una leggera
predisposizione si spiegano solo se è vero questo:

L’ipotesi
fatta da Seaton et al. [28] nel 1995 suggeriva che le particelle trattenute in profondità nei
polmoni provocano un’infiammazione che a sua volta rilascia sostanze chimiche
naturali nel flusso sanguigno, provocando così la coagulazione del sangue. Essa
intendeva spiegare i reperti epidemiologici che mostravano un aumento delle
malattie cardiovascolari in popolazioni soggette ad un esposizione al PM10 maggiore della media.

Milano
è una città in cui il PM10 e non solo, raggiunge livelli da capogiro.

Vi do
qualche altro dato: Miller et al.
hanno riferito un aumento del 1,76 del rischio relativo di morte da malattia
cardiovascolare per ogni aumento di 10 μg/m3 nella concentrazione media di
PM2,5
[57]. In paragone, uno studio della American Cancer Society ha
mostrato che ogni aumento di 10 μg/m3 nella concentrazione media di
PM2,5 era associato ad un aumento del 1,12 del
rischio relativo di morte
da malattia cardiovascolare
, del 1,18 per morte da cardiopatia ischemica
(la proporzione di morti più elevata), e del 1,13 per morte da aritmia, insufficienza
cardiaca, o arresto cardiaco [58].

 

Per non parlare
dei danni al feto, data la capacità delle UFP di interagire con il DNA e
la possibilità di nascere con predisposizioni alle patologie respiratorie. Per non parlare
del cancro ai polmoni, alla mammella, etc….. E del
Parkinson
, l'Alzheimer? Pensiamo
sempre che le cose accadano agli altri e mai a noi. Tutti voi lavorate a
Milano, tutti voi respirate quest'aria, le UFP non fanno distinzioni,
che cosa vi verrà?: il
Parkinson, l'Alzheimer, una patologia cardio-vascolare o un cancro? Io non lo
auguro a nessuno ma non dipende da me. Dipende da voi, avete la nostra/vostra
salute nelle mani, fate la scelta giusta. Non
fatevi ingannare se vi dicono che gli impianti moderni hanno meno emissioni dei
precedenti, sono più grandi e quindi il totale delle emissioni non si discosta
da quelli degli anni '90. E non
fatevi nemmeno ingannare dagli studi sulle concentrazioni di queste particelle
perché anche concentrazioni minime possono essere fatali inoltre vanno
considerate le reazioni chimiche che possono avvenire con altre sostanze. E
ricordate sempre che il PM10, il PM2,5 e le UFP viaggiano nell'aria per lunghe
distanze…

Ora lo
sapete, io m'impegnerò perché lo sappia più gente possibile e voi avrete la
responsabilità della scelta davanti ai loro occhi, ricordatevi sempre che
responsabili significa ABILI A RISPONDERE e voi dovete rispondere ai cittadini
che vi hanno votato.

Pubblicherò
questa lettera su tutti i gruppi facebook a cui sono iscritta, non solo Milano
a 5 stelle e chiederò a tutti di condividerla a loro volta, presto avremo anche
un sito, l'informazione in Rete non può essere fermata.

L'alternativa
all'incenerimento c'è e si chiama RIFIUTI ZERO. Alcuni esempi già esistenti:

http://www.centroriciclo.com/

http://www.youtube.com/watch?v=Y8GuPmr8zeY

http://www.comune.capannori.lu.it/sites/default/files/urp/brevecronistoria.pdf

A Milano non sarà possibile
finché non separeremo i rifiuti organici dagli altri rifiuti.

Cordiali saluti.

Cinzia Bascetta

Fonti:

Scarica Traduzione-lavoro-scientifico-del-dottor-vyvian-howard