Milano. Il centro-destra è alla frutta!

Lassini

A Milano dopo anni di governo del centro-destra prima con Albertini e negli ultimi 5 anni con la Moratti il centro-sinistra potrebbe vincere le elezioni e governare la città con Giuliano Pisapia.
Essendo Milano una fucina politica, perdere a Milano per il centro-destra e per Berlusconi sarebbe un duro colpo. La Moratti ha speso per la sua campagna elettorale 12 milioni di euro mentre Berlusconi si è speso in prima persona per sostenere la Moratti. Ma entrambe le strategie hanno fallito.

Ancora prima che iniziasse la campagna elettorale in città hanno iniziato a vedersi dei manifesti come quelli nella foto, sponsorizzati da una fantomatica "Associazione dalla parte della democrazia". Ricordavano i dazibao della propaganda maoista. Era in realtà l'inizio della campagna elettorale del centro-destra che poi si sarebbe svelata in tutto il suo splendore con i manifesti che accostavano BR a magistratura dell'ormai famoso Lassini.

Poi è arrivato il turno di Donna Letizia che per settimane ha riempito Milano di manifesti che magnificavano le sue opere per la città. A guardarli sembrava Madre Teresa di Calcutta. Letizia con gli anziani, Letizia con i bambini, Letizia con l'elmetto per i lavori della M5. Ecco perché in consiglio non c'era mai, era sui cantieri! Si vocifera anche che le foto fossero ritoccate con fotoshop. Si sa che oggigiorno l'immagine è tutto.

Durante la campagna vera e propria abbiamo ricevuto tutti a casa un libricino. Un bignamino su Donna Letizia. I cento progetti realizzati per Milano. Letizia si dimentica però di parlare delle consulenze d'oro che è stata condannata a risarcire. Non parla delle mamme nomadi che durante gli sgomberi dei campi effettuati dalla polizia chiedevano disperate "ora dove manderemo i nostri bambini a scuola?" vanificando così il lavoro delle associazioni per favorire l'inserimento di queste persone nella società. Come se il problema si risolvesse rimbalzandolo da una parte all'altra. Scrivere 'è previsto l'accompagnamento in percorsi di recupero' non significa che poi vengano stanziati fondi per questo. Il bignamino trasforma la tragedia di alcune famiglie senza dimora in lotta all'abusivismo. Parla di Housing Sociale quando invece si tratta solo di una piccola percentuale di edilizia convenzionata (sono due cose estremamente diverse). Non dice che non ha realizzato le piste ciclabili promesse nella scorsa campagna elettorale. Si vanta di ecopass e non dice che è indagata nell'ambito di un'inchiesta sull'inquinamento del territorio lombardo.
Proprio un bel tentativo di recuperare con l'arte della comunicazione cinque anni di mal governo della città.
Ora che hanno nettamente perso al ballottaggio, cosa escogiteranno?
Proprio oggi siamo venuti a conoscenza che un candidato del PDL sta facendo girare il seguente SMS
"Ti annuncio che toglieremo Ecopass ai milanesi!!! Gira la notizia ad amici, colleghi e vicini. Grazie"

La prima cosa che abbiamo pensato è stata: il centro-destra è proprio alla frutta.
Che non ricorrano anche a 'Più pilu pe' tutti'!?

Qualunquemente, è meglio votare Pisapia.

di Davide Granti e Cinzia Bascetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *