Provincia. In consiglio il dibattito sul container radioattivo nel porto di Prà-Voltri

Container radioattivo

Il container radioattivo, è ancora lì dopo sei mesi! Non vorrei essere uno di quei poveri poliziotti…

La lettera giustamente adirata di una mamma di Pegli.

parole, parole, parole

IO VORREI SAPERE SOLO TRE COSE:
1. QUANDO LO PORTANO VIA DAI COGLIONI
2. CHI PAGHERA' IL TUTTO, VISTO CHE, COME QUALCUNO HA ARGUTAMENTE OSSERVATO,
C'E' UNO SPEDITORE, UNO SPEDIZIONIERE, UN TRASPORTATORE E UN DESTINATARIO.
MAI CHE IN QUESTI MESI ABBIA SENTITO —-UNA SOLA PAROLA—— SULLE
RESPONSABILITA' DI CHI HA IMBARCATO QUESTO CARICO, DI CHI L'HA SPEDITO E DI
CHI LO ATTENDEVA. TUTTI DISSOLTI NEL NULLA ?????
io non sono uno spedizioniere, ma so che gli spedizionieri sono responsabili
in parte di quello che trasportano. oltre che ovviamente in primis
responsabili sono quelli che hanno richiesto la spedizione…..
3. SE E QUANDO QUESTE RADIAZIONI SI STANNO PROPAGANDO, COME E DOVE, VISTO
CHE DIRE "INDICATIVAMENTE" 200 METRI NON VUOL DIRE UN BELINO.

ma perche' non c'e' mai qualcuno che prende il toro per le corna, sia in
provincia, che in comune, che in regione, che DOVUNQUE ????????? chi ha
imbarcato questo container ?????????? la msc cosa dice ????? a chi doveva
essere consegnato ? si sa esattamente cosa c'e' li' dentro oltre a questa
fonte di emissione di radiazioni ? ci saranno altre merci che qualcuno sta
aspettando….. o no ????? c'e' solo materiale radioattivo ???????
ma e' incredibile.
e poi cosa e' tutta sta storia dei servizi segreti ? e SOPRATTUTTO PERCHE'
IL CONTAINER E' ANCORA LI' DOPO —SEI— MESI ???????? hanno assicurato che
entro fine febbraio (bonta' loro) lo porteranno via…… propongo a tutti i
comitati un blocco stradale sull'aurelia se al 28 febbraio il container e'
ancora li'.

Patrizia

Ci è dato di sapere che il container in questione è di proprietà si SIGIMET che appartiene a De Benedetti attraverso INTEK S.p.A.
Sede Legale in Ivrea – via Camillo Olivetti, 8
Uffici in Milano – Foro Buonaparte, 44
Capitale sociale: Euro 35.389.362,84 int. vers.
Codice fiscale e Partita IVA 00470590019
U.I.F. 29340http://www.itk.it/

I bilanci sono molto difficili, il titolo che a chiusura 2007 era quotato 0,53, da un po' di tempo è a 0,30/0,33, questo induce a pensare che debbono ridurre le “spese” e quindi possono comprare ogni cosa, oppure prendere merce senza controlli “gratuitamente”, oppure facendosi persino pagare.

 

Nel 2009 si scopre un interesse per SIGIMET che a Serravalle e dintorni è molto “chiacchierata” (bilanci strani, affari confusi…)

 

Questo il Comunicato stampa:

Perfezionata l’acquisizione del 30% di SIGIMET S.p.A.
Firenze, 30 settembre 2009. La società controllata KME Recycle S.p.A., a seguito della avvenuta approvazione da parte delle competenti Autorità garanti della concorrenza e del mercato, ha proceduto all’esecuzione dell’ acquisizione del 30% di SIGIMET S.p.A., società attiva nella commercializzazione dei rottami metallici.
L’operazione, della quale era stata data notizia lo scorso 5 maggio, ha un valore complessivo di Euro 1,8 milioni.
Il comunicato è disponibile sul sito www.kme.com, attraverso il quale è possibile richiedere informazioni direttamente alla Società (telefono n. 055.4411454; 
e.mail investor.relations@kme.com).KME Group S.p.A.

Poi INTEK si separa da KME group separando i beni (che vanno a Intek) dall'attività che resta in KME……previsione di un fallimento ? Previsione di doversi accollare danni ambientali ???????????

Relazione finanziaria del Consiglio di
Amministrazione sul primo semestre 2010
Signori Azionisti,
La presente relazione finanziaria semestrale consolidata (la “Relazione”) viene presentata in conformità alle indicazioni dell’art. 154 ter secondo, terzo e quarto comma del D. Lgs 24 febbraio
1998 n. 58 (TUF) ed è formata dalla relazione intermedia sulla gestione e dal bilancio consolidato semestrale abbreviato predisposto in conformità ai principi contabili internazionali (IFRS) riconosciuti dalla Comunità europea ai sensi del regolamento n. 1606/2002.
In conseguenza dell’efficacia della Scissione, e quindi del venir meno dell’attività industriale, è stata rivista la modalità di classificazione del conto economico presentato nella relazione di gestione, adottando uno schema simile a quello utilizzato precedentemente alla fusione per
incorporazione di GIM SpA. Le principali modifiche sono le seguenti:
– sono state eliminate le voci Ricavi per la vendita di prodotti, Costo dei materiali gestionali e Fatturato al netto del costo della materia prima per il venir meno dell’attività industriale;
– i proventi di gestione sono stati separati dall’aggregato Altri (costi) e ricavi operativi che è stato rinominato Costi di gestione;
– il Risultato della gestione di partecipazioni e titoli è indicato quale componente dell’EBITDA;
– non viene più presentato il Risultato netto gestionale che non utilizzava i principi IFRS nella valutazione dello stock di struttura.
I risultati dell’attività industriale ottenuti nel primo trimestre 2010 e quindi antecedentemente all’efficacia della Scissione sono classificati nella voce Risultato netto da attività cessate. Tale modalità di rappresentazione interessa anche i risultati delle minime attività industriali ancora in capo al Gruppo in via di dismissione. Per una miglior comparabilità sono stati riclassificati i dati relativi al primo semestre 2009. Questi ultimi sono stati anche modificati per considerare l’effetto del cambiamento di principio contabile di KME per la valutazione delle materie prime operato nell’esercizio 2009.
Non sono state operate modifiche allo schema di stato patrimoniale nel quale i dati relativi al 30 giugno 2010 sono confrontati anche con i dati dello stato patrimoniale pro-forma incluso nella relazione finanziaria annuale dell’esercizio 2009.
Il periodo in commento non è stato caratterizzato da operazioni con impatto significativo sul reddito. 
L’EBITDA consolidato dei primi sei mesi del 2010 è conseguentemente negativo per Euro 1,7 Mln, a fronte del valore positivo di Euro 1,2 Mln del corrispondente periodo dell’esercizio
precedente, che aveva beneficiato di proventi da cessione di partecipazioni.
L’EBIT consolidato del primo semestre 2010 è negativo per Euro 2,4 Mln, mentre era stato positivo per Euro 0,5 Mln nel primo semestre 2009.
Il Risultato ante imposte dell’operatività corrente è negativo per Euro 2,9 Mln in conseguenza di oneri finanziari netti per Euro 0,6 Mln.
Le Attività cessate hanno contribuito positivamente per Euro 5,9 Mln, determinando un risultato di periodo, al lordo della quota di competenza di terzi, positivo per Euro 3,0 Mln. Il primo semestre
2009 si era invece chiuso in perdita per Euro 16,2 Mln a causa del negativo andamento della gestione industriale. Il risultato netto di competenza degli azionisti della Capogruppo è negativo per
Euro 0,3 Mln rispetto alla perdita di Euro 7,4 Mln del primo semestre 2009.

 

Vincenzo Manes

Curriculum Vitae
 
Il dr. Vincenzo Manes, nato nel 1960 e laureato in Economia e Commercio, è Presidente ed Amministratore Delegato della controllante iNTEk S.p.A. ed Amministratore della partecipata ErgyCapital S.p.A. mentre, nell’ambito del Gruppo, è Vice Presidente del Consiglio di Sorveglianza di KME A.G.
E’ Presidente della Fondazione Dynamo, una delle prime Fondazioni italiane di venture philantropy.

  
Ed ecco come i De Benedetti e la KME più Italcementi ed altri si lavano la coscienza ed ottengono sgravi fiscali (con le donazioni). Qui vedete come intendono i “filantropi” di Fondazione Dynamo difendere la salute dei bambini “stranamente ammalati”………..
http://www.ecofo.unibo.it/NR/rdonlyres/79C0CED3-9F62-478D-855D-AFC8A72AC02D/111738/DYNAMOPresentazione_slidesent.pdf 
 
Un ringraziamento ad Andrea Pescino per le informazioni

 

Io vorrei sapere perché…

Cornigliano2

Io vorrei sapere perché tutte le cose più schifose sono a Cornigliano, l'acciaieria è a Cornigliano, l'altoforno era a Cornigliano, l'aeroporto è accanto a Cornigliano, l'uscita dell'autostrada è a Cornigliano, la centrale a carbone è accanto a Cornigliano, l'alta tensione con tanto di centrale di smistamento è a Cornigliano, il depuratore è a Cornigliano, l'inceneritore sarà dietro Cornigliano, ci manca qualcosa sotto e poi abbiamo finito, per carità gli venisse in mente di metterci un deposito di scorie radioattive, lo metterebbero di sicuro a Cornigliano.

Non è che noi di Cornigliano stiamo un poco poco antipatici a qualcuno?

di Cinzia Bascetta

A Scarpino 100 camion in meno al giorno! Il Comitato per Scarpino esulta.

Comitato per Scarpino

Ci hanno …..accusato di……ingigantire i problemi…( ass.prov. ambiente S.Sciortino dei Verdi ) …abbaiare alla luna….(A. Stramigioli)….spalancare le porte all' inceneritore ( un sacco di deficenti che non hanno ancora capito un….niente ) …..siete della Lega ( questa è l'offesa più ricorrente…che fanno i PDIOSSINI quando sono senza…argomenti o li accusi di prendere i soldi da AMIU-Genova ).

Questa premessa per dirvi che…E' ACCADUTA UNA COSA INCREDIBILMENTE MERAVIGLIOSA, STRAORDINARIA …….STUPEFACENTE.

Ieri ci siamo trovati dalla cappelletta del "cristo", Io, Pino, Rosa, sua mamma, le fioriste, Mariarosa, Alice, la parrucchiera…i ragazzini tornavano da scuola e camminavano in mezzo a via militare di Borzoli ( ..la vecchia strada che porta dentro " l'inferno di Scarpino" ) tutti ci siamo guardati in un silenzio irreale….
NON PASSAVANO CAMION DI MONNEZZA….!!!!!!!!!
Già ! volevo essere sicuro al 1.000 X 1.000 …ma ora è sicuro:
dall' inizio di Dicembre 2010 i transiti diretti alla discarica sono …CROLLATI …ieri, possiamo dire con certezza che ne sono passati almeno 100. leggi cento, in meno !!!!!

I motivi non li conosciamo, gli autisti di Spezia ci hanno detto che la COSTA MAURO E' FALLITA, l' azienda toscana operativa nel trattamento dei rifiuti con sede ad Albiano Magra (Massa), al confine con La Spezia, quelli che portano a Scarpino 3 VOLTE TANTO QUELLO CHE PRODUCE TUTTO L'ATO DI SPEZIA, è al centro di accertamenti della Finanza per irregolarità contabili che si è dichiarata «estranea ai fatti contestati».

Ma questo spiega in parte quello che sta accadendo, senza "COSTA" possono mancare al massimo 15 transiti da 20 ton. l'uno…come mai mancano tutti quelli di BRA SERVIZI, i MELANDRI, i SAVIOLA…di Viadana Mantova, quelli che sul cassone hanno scritto….SALVIAMO GLI ALBERI…..ma và la…contamusse!!!!!, mancano anche quelli di RE SERGIO che hanno scritto…..CON NOI LA SPAZZATURA VIAGGIA DA….. RE…….mancano anche quelli di VECA SUD ( Caserta ), PADRE PIO, PINO….O' POETA, mancano i "ragazzi" di AIMERI ( Palermo)…quelli di Lecco, F.lli BRIVIO , MOZZI; quelli di Pavia….PIOVESAN quelli di CONEGLIANO, nel Veneto, BARRAKUDA…ma sopratutto mancano i "CINESI" di Brescia, quei Volvo gialli che portano tutti i giorni le plastiche industriali ….da fare sparire….sottoterra.

Sarebbe interessante sapere la vera ragione di questo …NON SI ACCETTANO RIFIUTI DA FUORI PROVINCIA come c'è scritto sul cartello fuori dalle "pese", sarebbe bello sentire cosa ha da dire D'Alema, Casale, Senesi, Sciortino, l'ing. Sacco…fino a scomodare "baby face" l' "inpalpabile" …nel senso che…sembra non esistere….assessore regionale Renata Briano.
Sciortino ( Verdi ) dovrebbe saperlo, visto che a Aprile rispose in maniera arrogante e stizzita ad una interpellanza fatta dal nostro amico Massimo Pernigotti ( capogruppo lista Biasotti, quello delle 6.000 preferenze dei tagliandini del Giornale, quello che è CONTRO il GASSIFICATORE a Scarpino ) proprio su questo annoso argomento.
Disse, in pratica che AMIU E' UNA SPA CHE OPERA SU TERRENI DI SUA PROPRIETA' CHE PRENDE QUELLO CHE VUOLE DA DOVE VUOLE E CHE HANNO TUTTI I PERMESSI IN REGOLA….ci mancava solo vaff…e finitela di rompere i cogl…..

A me piace pensare che la ragione sia che finalmente la magistratura si è mossa per controllare, vedere chi, da dove e che cosa arriva tutti i giorni a Scarpino, mi piace pensare che il nostro …abbaiare alla luna, ingigantire i problemi, GRIDARE AL LUPO AL LUPO!!!! sia servito a questo, sarebbe moltissimo.

NON CI FACCIAMO ILLUSIONI….10 anni di RESISTENZA PARTIGIANA, 28 BLOCCHI, manifestazioni, marcie lente, D'INVERNO, SOTTO L'ACQUA E LA NEVE, CENTINAIA DI riunioni alla croce azzurra, ci godiamo la goduria di una GRANDE VITTORIA perchè Noi beoti, zoticoni, ignoranti del Comitato per Scarpino 100 camion in meno al giorno sono meglio del primo premio della lotteria della Befana. perchè …senza monnezza proveniente da fuori non c'è bisogno di nessun CANCROGASSIFICATORE.

Felice….oggi più che mai… portavoce del Comitato per Scarpino

Né di destra, né di sinistra : questo sarà il futuro della politica … tranne a Genova.

  Sinistra_destra

Né di destra né di sinistra. Fuori dai partiti della casta. Fuori dagli interessi delle lobby. Vicino alla gente. Ma tra le frasi astratte che trovano sempre d’accordo tutti e il mettere effettivamente in pratica iprincipi c'è di mezzo il mare; e soprattutto ci sono ampi spazi da parte dei politici per fregare la gente e far credere che sia effettivamente così quando in realtà così non è. 
E' noto che i partiti non si occupano più dei problemi della gente comune ma curano solo gli interessi delle lobby e della mafia: la gente lo ha capito e comincia ad allontanarsi dalla politica, per lo meno da quella tradizionale: a questo punto le manovre dei politici consistono nel dare l'impressione di essere più vicini alla gente: cosi' hanno sempre fatto ma adesso lo fanno con mezzipiù sofisticati: fanno credere di seguire i principi della politica nuova di cui Beppe Grillo è il maggiore portavoce, ma non è l'unico.
Essere departitizzati, principi di democrazia diretta, statuti, programmi politici che prevedono sviluppo sostenibile, equilibrio sociale e tante altre belle cose.Poi, all'atto pratico, nell'ambito del locale vediamo tante piccole furberie che rendono sostanzialmente vani tutti questi principi: 
 
 - battaglie che si compiono dicendo “tanto fanno quello che vogliono ma almeno ci abbiamo provato”, quando poi,  in barba alla visibilità rivoluzionaria sul territorio, sulle strade e le piazze e nei presidi solo pochissimi riescono ad accorgersi che invece “non ci hanno provato affatto” e quei pochi vengono tacciati di disfattismo, di essere fascisti o di tanti altri attributi idioti.  

 - azioni svolte più per farsi notare, specie dai media, che per cambiare realmente le cose.

 -  scarsa propensione al rischio di subire azioni legali (tipo querela per diffamazione): in realtà è ovvio che se qualcuno dà veramente fastidio al sistema dovrebbe compiere delle azioni per le quali questo rischio viene corso eccome. A Genova ho ragione di ritenere che questi metodi sofisticati siano molto affinati. Ho visto i partiti (sostanzialmente quelli di sinistra) infiltrare sagacemente i comitati cittadini, sempre più attivi e irrequieti, le associazioni ambientaliste, i meetup di Beppe Grillo, il Popolo Viola; insomma, in definitiva qualunque espressione politica che dovesse partire dal basso. Vediamo per esempio qualche caso specifico:

I No Gronda, così amati dalla stampa (e già questo dovrebbe far riflettere) che annunciano trionfalmente di aver fatto spostare la trivella da Murta (per metterla poi da un'altra parte, ma questo è un particolare di … scarsa importanza). Sempre i No Gronda (o forse Gronda come li chiamano nel meetup Valpolcevera) adesso propongono un ricorso al “TAR gratuito” (mai sentito in vita mia; chissà, forse qualche avvocato ispirato direttamente dal Padre Eterno ) in cui bastano 500 firme e non bisogna spendere un euro (anche questo dicono avere un valore simbolico: non danno infatti garanzie sull'esito….). Quello che però continuano a non voler raccontare a nessuno è se si sono incontrati con Claudio Burlando come qualcuno ha riferito in vari forum tra cui sul blog di Marco Preve e che cosa si sono detti (ovviamente, essendo departitizzati, eventuali accordi col PD possono essere fatti solo di nascosto). I No Gronda, notizia non ancora ufficiale, aspirano a presentarsi alle elezioni comunali del 2012 con una lista civica che dovrebbe prendere le distanze dai politici della casta: poiché di liste civiche che a Genova come da altre parti si sono presentate come liste departitizzate e che poi, in realtà, non erano altro che liste civetta dei politici ce ne sono già state parecchie mentre liste con reali caratteristiche di autonomia non ce ne sono ancora state, credo che sia abbastanza lecito tenere alta la guardia. Faccio notare peraltro che non esiste nessun forum nel quale i No Gronda rispondano alla cittadinanza di qualunque perplessità o di qualunque idea venisse in mente ai cittadini, cosa che invece avviene nei meetup di Beppe Grillo. 

Altra figura che si professa contro la casta è quella della “grillina” Manuela Cappello: Ex IDV, attualmente consigliera comunale nel gruppo misto, per anni ha ricoperto un doppio incarico in comune e in provincia: è di questi giorni un video sul meetup storico “Amici di Beppe Grillo” in cui, a proposito del progetto del Galliera Nuovo rivela moltissime perplessità, bocciando sostanzialmente il progetto. Ma allora mi deve spiegare come mai nella delibera in consiglio comunale del giugno 2009 non aveva votato contro come, viceversa, avevano fatto Bernabò Brea e un consigliere della Lega. Quando è stata votata la delibera sul Mercato di Corso Sardegna, presenti in aula entrambi i meetup di Beppe Grillo, ha espresso voto contrario, con tanto di discorso filosofico sulla “decrescita felice” e quant'altro, sotto l'occhio della telecamera di uno dei suoi fedelissimi. Il progetto passò ugualmente ma era viziato, così come parecchi altri progetti in città a partire dal non rispetto del piano urbanistico PUC. Il PUC fu modificato ma venne impugnato dal TAR. Venne nuovamente rivotato (contro ogni logica di democrazia e di legalità) in consiglio comunale: unico ad opporsi: nuovamente Bernabò Brea. Cappello astenuta. A questo punto Manuela Cappello mi dovrebbe spiegare dove è andata a finire tutta la prosopopea sulla “decrescita felice” precedentemente sfoderata. Nel dicembre 2009 il meetup storico chiede la certificazione a Beppe Grillo della lista a 5 stelle da presentare alle elezioni regionali del 2010: tutto secondo “criteri democratici”: votazioni primarie in cui gli attivisti avrebbero dovuto scegliere tra lei, Ferruccio Sansa e Adriano Sansa, il nome del candidato a presidente della regione: peccato che nessuno dei due Sansa sapeva di essere tra i candidati nè erano d'accordo! 

Nonostante tutte queste vicende la gente dovrebbe aspettarsi, secondo l'opinione comune dei cittadini, che Manuela Cappello si presenti alle elezioni senza scendere a compromessi, neanche successivamente, con i politici del centro sinistra … mi sembra alquanto improbabile. 

Ci sono poi un paio di vicende poco chiare, denunciate dalla Casa della Legalità. Christian Abbondanza per aver denunciato il primo di questi fatti fu querelato da Manuela Cappello e tra qualche mese ci sarà il processo. 

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=1871&Itemid=98

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=8732&Itemid=1

Sempre secondo l'opinione comune il meetup 20 dovrebbe “mettersi d'accordo” con Manuela Cappello per fare una lista : ancora più improbabile. 
Il guaio è che la gente guarda sempre all'apparire davanti alle telecamere, al presentarsi nelle piazze, dove si chiede la firma per improbabili referendum (ma intanto ci si fa un po' vedere): le votazioni in consiglio comunale non le conosce mai nessuno e, peraltro, non sono assolutamente facili da reperire: ultimamente, avevo notato che il sito del comune di Genova riportava le delibere anteriori a due anni prima! Anche quei pochi che capiscono l'arcano, difficilmente sono disponibili a relazionarne, anche perchè lo farebbero a loro rischio e pericolo. 

Vediamo poi altri personaggi facenti parte di questa schiera: Andrea Agostini, figura di spicco nell'ambito di Lega Ambiente Liguria: l'ho visto spesso scagliarsi contro i politici, ma c'è chi lo ha visto “frenare” al momento opportuno. Del resto Lega Ambiente è sempre stata un ottimo trampolino di lancio per politici della casta: dalla presidenza sono originate figure come il nuclearista convinto (….) Chicco Testa o il parlamentare PD Ermete Realacci.

Giuliano Giuliani, padre di Carlo Giuliani (rivoluzionario vero), sindacalista … messosi in un certo senso al timone (senza che nessuno glielo avesse chiesto) del Popolo Viola genovese. Ricordo perfettamente, nell'unica manifestazione veramente departitizzata che io ricordi a Genova, organizzata dalla Casa della Legalità, il 30 giugno 2010, quando col megafono Christian Abbondanza, urlava ai cittadini genovesi alcune verità un po' troppo scomode per i politici locali, Giuliani suonava un tamburo e un fischietto, la mia impressione era, per non fare ascoltare …

Carlo Besana, ex candidato in regione alla lista civica “Noi per Burlando”, sempre cosi' vicino ai comitati e alla gente. Poi qualcuno lo informò delle malefatte del suo capogruppo Ezio Armando Capurro, che trasformava gli oleifici in inceneritori e che, espulso dal PD pugliese venne in Liguria a reiterare i suoi reati. Ma Besana, l'amico dei comitati, fece come Ponzio Pilato, e se ne lavò le mani. Sarebbe interessante sapere se a Genova siano i vertici del PD a cercare queste persone o viceversa, ma parecchi indizi mi portano a ritenere più probabile la prima ipotesi: addirittura, recentemente, qualcuno mi ha detto che il centro sinistra sta studiando un piano di “conquista” dei Comitati (comprane 1 per averne 100…): persone molto in vista all'interno dei comitati mi hanno confidato di essere stati avvicinati dai “vertici” che si interessavano del futuro dei loro figli (…..)

D’altronde anche la posizione di Beppe Grillo stesso  a Genova è sempre stata abbastanza dubbia: a livello nazionale spara sempre su tutti. A livello locale è molto più parco nelle critiche: nessun intervento quando Claudio Burlando dichiarò, dopo le ultime elezioni, di aver intercettato il voto grillino; una sola apparizione a Genova nel 2010, invitato ad una manifestazione organizzata da Carlo Besana e da altre persone a me sconosciute. E quando il nostro gruppo del meetup 20 si è avvicinato per chiedergli una posizione sui due meetup disse: basta, a Genova non faccio un c… , di Genova mi sono rotto il c…

Quello che ho notato è che le persone veramente credibili vogliono ancora, specie a Genova, stare fuori dalla politica perchè, giustamente, non credono nei nuovi movimenti. Sempre queste persone ho visto che hanno trovato come ruolo precipuo quello di fare informazione: Qualche nome di blogger freelance locale:

Christian Abbondanza e Enrico d'Agostino (casa della legalità) attivi in un settore molto importante: la mafia. Ed è proprio grazie a loro che la mafia locale, ben radicata, sta scricchiolando con diversi arresti di personaggi “intoccabili”. 

Andrea Pescino, molto attivo sui politici locali e su problematiche locali inerenti soprattutto le problematiche legate a rifiuti e cementificazioni a Genova e nel Levante.

Davide Stasi, ex meetupparo, che scrive su La voce del Ribelle, su problematiche inerenti la città.

Monica Riccioni, blogger recchese, che graffia tutti con il suo blog chiamato appunto “Il Graffio”.

Cinzia Bascetta e Davide Granti: l'Anticasta.

Gianfranco Belletti: molto seguito il suo blog "Area Genova" anche se un giorno abbiamo litigato per talune sue intemperanze che non approvavo e l'ho cancellato dai miei contatti su FB (anche perchè me lo aveva detto lui) devo obiettivamente dire il suo blog è molto valido.

Ed è proprio la contemporanea presenza di alcune di queste persone in un gruppo, che mi ha fatto sperare, purtroppo solo per pochi mesi, in una realtà politica veramente credibile: è stato il meetup 20, dall'estate del 2009, per 6 mesi circa, con un sussulto tardivo la scorsa estate:
il gruppo era veramente valido e disinteressato: ma evidentemente l'italiano medio (o se preferiamo il genovese medio, visto che in altre regioni ha funzionato) non ha la mentalità:c'è una manifestazione? Se hai un “progetto personale” da ottenere, il tempo per andare lo trovi; se non ce l'hai hai sempre altro da fare.E fu cosi’ che, piano piano, si sono defilati quasi tutti.(Benché restino tuttavia alcune  persone credibili nel gruppo e fra i suoi simpatizzanti).  Oltre a questo gruppo di persone credibili che non vuole saperne di questi movimenti c'è un'altra categoria poco simpatizzante per gli stessi: i giovani. I giovani probabilmente sono preoccupati più che i loro genitori del loro futuro e quindi queste battaglie fatte di referendum fasulli, di presidi inutili e delle torte dei No Gronda destano in loro poco interesse: i comitati e le associazioni suddette in realtà, hanno un età media di 50 anni.I giovani vogliono la rivoluzione, quella vera: meglio entrare nella sede del Secolo XIX coi bastoni, come accaduto qualche giorno fa, piuttosto che cercare di leccarti i giornalisti.D'altronde è ormai evidente che se una testata come il Secolo XIX parla bene di te, vuol dire che, la tua efficacia a cambiare le cose è molto scarsa.

di Gian Paolo Cavallaro

La consulta approva due quesiti sull’acqua ed uno sul nucleare!

Consulta
Dei quesiti sull'acqua sono stati approvati il primo ed il terzo:

il 1° quesito riguarda l'abrogazione dell'art. 23 bis (Decreto Ronchi) che obbliga alla privatizzazione della gestione dell'acqua.
Il 3° riguarda l'abrogazione dell'articolo di legge che consente la remunerazione del capitale investito (ovvero i profitti sull'acqua).

Ottima la notizia anche sul referendum che vuole abrogare 70 norme della legge 99 del 2009 per sbarrare la strada al nucleare e l'ammissibilità del quesito sul legittimo impedimento.

Ora i comitati s'impegneranno per convincere 25 milioni d'italiani ad andare a votare.

Il fil rouge che unisce le “scelte di progresso” di AMIU e GENOVA PARCHEGGI e la Raccolta Differenziata come la farebbe il comitato Per Scarpino.

Macchina rumenta questa foto, scattata a Sanpierdarena da Enzo in via Degola voglio stigmatizzare il fil rouge che unisce le "scelte di progresso" di AMIU e GENOVA PARCHEGGI, la collaborazione dell'Ing. Senesi e del Dott. Farello ha portato alla …creazione di questo nuovo contenitore per la monnezza indifferenziata, ne esistono anche in altri colori e forme.

Questa notizia non è apparsa su nessun giornale ma è passata nella rete dei Comitati, il tam tam di Facebook, tramite Skype, in Val Bisagno, Val Polcevera, Pegli, Prà, segno che più di qualcuno e qualcosa si sta muovendo. Quindi, Il "superassessore" Simone Farello, PDIOSSINO, figlio….d'Arte e grande appassionato di "raccolta pubblicitaria", ha presentato (il 3 Dicembre …PARE…già approvata…..il 17 Dicembre ) un altra delle sue " proposte indecenti" cioè quella di …trasformare in FASCIA 1, quella ad ALTA REDDITIVITA', quella da 2.50 euro l'ora, per capirci,tutte le aree di parcheggio BLU AREA ….adiacenti ai Municipi……, inpratica IL CENTRO, di ogni ex circoscrizione è da considerarsi come CENTRO CITTA' come Piccapietra o P.zza della Vittoria. Tutto questo mentre le corse dei mezzi pubblici vengono DIMEZZATE e ilbiglietto AMT, dal 1 Febbraio ..schizza a 1.50. il più caro al mondo..dopo le Subway di Parigi e Londra.Inoltre, l'abbonamento mensile per INVALIDI ( e tutti gli altri ) eFASCE PROTETTE, pensionati al minimo, disoccupati, schizza da 12 a 19euro UN AUMENTO DI QUASI IL 60 % IMPOSTO ALLE FASCIA PIU' DEBOLE DEICITTADINI, QUELLI CHE, DA SOLI, NON CE LA FANNO .GIUNTA DI SINISTRA….VERGOGNA!!!!!LA PROPOSTA DI FARELLO E' UNA VERGOGNA PER I GENOVESI E PER QUESTA CITTA'.
Vi chiederete che c'entra BLU AREA e GENOVA PARCHEGGI con Scarpino ?C' entra, eccome ora Vi spiego perchè :
Se ci fosse ancora un AMMINISTRATORE PUBBLICO ONESTO, a cui stà a cuorequesta meravigliosa terra di Liguria e decidesse domani mattina di non fareil CANCROGASSIFICATORE solo perchè non serve, costa moltissimo e fà malealla salute (mi domando che cosa ci sia di tanto difficile da COMPRENDERE)introducesse, una VERA e SERIA raccolta differenziata col metodo, collaudatissimo del PORTA A PORTA, in pratica CHIEDE al Cittadino: ti chiedo una mano, è un momento difficile, i soldi sono pochi, non ci possiamo più permettere di buttare niente, per questo ti chiedo diseparare la carta, vetro, plastica in casa tua, ..a giorni definiti tichiedo di portare il TUO SACCHETTO fuori, in strada, ti giuro chepasseremo alla mattina, con il camion apposta a prenderla, il lunedì SOLO LA PLASTICA, il mercoledì SOLO IL VETRO, il venerdì SOLO LA CARTA….MA TI CHIEDO….TUTTI I GIORNI…… MI PORTI IL SACCHETTODELL' UMIDO DENTRO L' UNICO BIDONE MARRONE CHE RIMARRA' in strada, …TIVERRA' FORNITO UN BADGE col tuo codice per aprirlo, tutti gli altribidoni e campane…spariranno…vengo a svuotarlo una anche due, trevolte al giorno ..come in centro storico, …per via dei topi…con uncamion speciale che scarica il bidone dentro una "vasca" e prima dirimetterlo a terra lo lava e lo disinfetta, altro che quelle trappoledella FARID, e i "Ciccioni" puzzolenti di MORTEO, per l'indifferenziata,che AMIU ha messo accanto apposta ai bidoncini per la differenziata, perfornire ai Cittadini L' ALIBI PER NON DIFFERENZIARE !!!!…ma questa è un' altra sporca storia, come dice Lucarelli quando parla della MAFIA, intanto la magistratura …indaga.

ECCO COSA CENTRA GENOVA PARCHEGGI E BLU AREA. PENSATE CHE STANDO AI CONTI ….SALATISSIMI, fatti da quel BernhardWinkler, urbanista tedesco che ha realizzato per il Comune di Genova il piano urbano del traffico nel 2003 ….togliendo i contenitori della spazzatura a Genova si LIBEREREBBERO ALMENO 6.000 POSTI AUTO !!!!Oggi con tutta quell'accozzaglia indefinita di campane, bidoni piccoli, grandi, tondi, squadrati, sfasciati, senza coperchio, schiacciati, sporchi, unti, bisunti, ricettacolo di malattie, topi, e cinghiali..EBBENE SE E' VERO CHE I CONTENITORI SONO LIEVITATI …(FARID, MORFEO, CDA DI AMIU) a 30.000, leggi TRENTAMILA..!!!!!EBBENE; si liberano da subito 10.000, leggi DIECIMILA POSTI AUTO….ma cipensate..??????? SOTTO CASA, AL LAVORO, A SCUOLA, A MARASSI, IN CORSO SARDEGNA, A SESTRI, OREGINA…. VE LA IMMAGINATE LA CITTA' CON UN SACCO DI PARCHEGGI IN PIU'……SENZA INFILARSI SOTTOTERRA E PAGARE 2.50 EURO L'ORA? MA CI PENSATE CHE SPETTACOLO !!!!!CAPITO? ECCO CHI NON VUOLE LIBERARE LA CITTA' DALLA SCHIAVITU' DEI CASSONETTI E DI QUESTA FALLIMENTARE, PUTRIDA E COSTOSISSIMA RACCOLTA STRADALE? INNANZITUTTO AMIU, PER NON RINUNCIARE ALL'ENORME FATTURATO CHE GLI GARANTISCE IL CONFERIMENTO IN DISCARICA DEL TAL QUALE INDIFFERENZIATO, OGNI TAPPINO DI ACQUA SOTTRATTO ALLA DISCARICA SIGNIFICA UN MILIONESIMO DI CENTESIMO DI EURO RUBATO DALLE LORO TASCHE. E OGGI VENIAMO A SAPERE CHE ANCHE IL DOTT. ( ????? ) SIMONE FARELLO NON NE SAREBBE FELICE….TRANQUILLI COMUNQUE, TANTO DICONO CHE QUESTA GIUNTADI "AFFARISTI" NON METTE LE MANI DENTRO LE TASCHE DEI GENOVESI, CASOMAI SONO LE LORO INSAZIABILI CREATURE….. AMIU, GENOVA PERCHEGGI, AMT, IRENE TUTTO IL MARASMA DELL' "AZIONARIATO DIFFUSO"….COME LO CHIAMAVANO I"NOSTRI" …PRIMA DI METTERCELO IN QUEL POSTO. (oggi, più propriamente vengono chiamate "PRIVATIZZAZIONI" dei BENI eSERVIZI PUBBLICI, PRIMARI e INDISPENSABILI)
CAPITO BENE?
Ora finisco cosa direbbe e farebbe un AMMINISTRATORE PUBBLICO ONESTO .
Tutto l'umido raccolto negli appositi sacchetti lo porto a Scarpino, sotto i capannoni coperti …al riparo dei gabbiani…per via dei BIRDSTRIKE…..per fare …a terra…un COMPOST DI ALTA QUALITA' come fannoi miei amici di Capannori a Lucca…..così poi lo vendo in agricolturabiologica, al mercato dei fiori di Sanremo a 25 euro al sacchetto da 10kg. altro che quello della Bayer che è tutta porcheria chimica..quello meno buono lo uso come ammendante per i parchi di Nervi, Villa Croce, l'Acquasola, così che, invece che parcheggi interrati di cementoarmato….. gli alberi secolari torneranno a nuova vita. Poi tutto quello che mi è rimasto lo uso per bonificare e mettere insicurezza la MIA DISCARICA …si glielo devo proprio ..povera PRIASCUGENTE…dopo 42 anni di veleni…ci devono ricrescere i boschi dicastagni a Scarpino, e poi come dice il mio Amico Paul Connet……cimettiamo la facoltà universitaria di "SCIENZA DELLA MATERIA".
Per tutta questa "NUOVA MATERIA", RACCOLTA SEPARATAMENTE dagli stessi Cittadini virtuosi, invece che svenderla ai CONSORZI DI FIERA , CONAI, COVETRO ecc…che non garantiscono la TRASPARENZA e la DESTINAZIONE (non è una leggenda metropolitana quando diciamo che….tanto tuttofinisce a Scarpino…) e che nella migliore delle ipotesi tutto questo,viene SVENDUTO A PREZZO STRACCIATO.

NOI, INVECE, li inviamo alle nostre 3 PIATTAFORME DI RICICLO, IN OGNUNAUN IMPIANTO TMB, PICCOLO DA 60.000 TON./ANNO, separiamo e "puliamo"dallo sporco tutti i material, li trituriamo, rendiamo le plasticheomogenee, per tipo e colore, idem con vetro, carta e cartone, legno,formica, metalli, ferro, alluminio, li stocchiamo a Scarpino e LI VENDIAMO AL MASSIMO PREZZO DI MERCATO.Quando saremo tanto bravi che ci rimarrà questo benedetto/maledettoresiduale sporco del 10 / 15 % lo possiamo ancora ritrattare e farne SABBIA SINTETICA per l'edilizia, come sanno fare bene a Vedelago…lì, fanno soldi a palate, altro che il CANCROGASSIFICATORE "NIPPON STEEL" a Scarpino. In discarica non mandiamo più niente, non ci sarà più niente da INCENERIRE, tutto bello, tutto pulito, il lavoro è salvo, gli spazzini torneranno ad essere VERI OPERATORI ECOLOGICI, QUALIFICATI e BEN PAGATI con un compito importante di grande responsabilità: SALVARE L'AMBIENTE.
Negli uffici della "NUOVA AMIU" i tecnici commerciali applicano la TARIFFA PUNTUALE, ANAGRAFE DEL RIFIUTO, perchè prima di dare la colpa ai Cittadini incivili, bisogna sapere chi è il "proprietario della monnezza" lo si deve educare al rispetto degli obblighi di legge bisogna garantirgli una tariffazione equa e puntuale, non le stronzate che racconta l'ing. Senesi, il Cittadino educato, pagherà in proporzione di come è bravo a fare la raccolta differenziata, si può fare, lo fanno in oltre 600 comuni virtuosi in tutto il paese, migliaia di città in tutto il mondo, S.Francisco, Montreal, Ottawa, Berna, Digione…ecc….
Ecco, questo, direbbe e farebbe un AMMINISTRATORE PUBBLICO ONESTO .

Felice Airoldi portavoce del Comitato per Scarpino.

L’acqua in bottiglia…. e stop al consumo del territorio

Arese-volantino-web1

L’appuntamento si aprirà con la partecipazione di

DOMENICO FINIGUERRA http://domenicofiniguerra.it/
(Sindaco di Cassinetta di Lugagnano – co-fondatore del Movimento Nazionale “STOP AL CONSUMO DI TERRITORIO”)

di seguito
LUCA BASSANESE http://www.lucabassanese.com         http://www.lucabassanese.com/drupal1/it/node/348
presenterà in forma spettacolo il suo nuovo libro (disponibile anche in formato audiolibro) dal titolo
“RACCONTI DI UN VISIONARIO”  ed il nuovo CD dal titolo  “IL FUTURO DEL MONDO”  voce, recitato, chitarra, effetti sonori, stelle cadenti, bolle di sapone, coriandoli magici….

inizio ore: 21:00
AUDITORIUM ALDO MORO, Via Varzi 31,
 Arese..
VENERDI 28 GENNAIO 2011

Organizzato da:
InFormazione InMovimento a Legnano ed Arese
http://informazioneinmovimento.wordpress.com/

e in collaborazione con:
Comitato de La Conquista del Buonsenso
l’associazione le Nuove Giornate di Milano
Gruppo Anticasta.org Milano

 

La cura di tutti i mali tenuta nascosta da 50 anni

Arancio

 

La medicina ufficiale prevede , come sappiamo, l'utilizzo di farmaci. Se andate dal medico, se è coscienzioso, vi potrà consigliare qualche presidio dietetico , oppure vi dirà di non fumare o di non bere. Ma alla fine è sempre fondamentale la presenza del farmaco.A volte vi dice pure che il farmaco non serve a niente, ma non accede quasi mai che il medico fornisca una terapia alternativa con un certo criterio e convinzione come se fosse quella la cosa più importante.Del resto all'Università si studia la farmacologia, le pubblicità parlano di farmaci, i media pure.

Ma se fai invece un giro su internet trovi un mare di altre novità. Vediamo due siti chiave che mettono tutto in discussione: http://www.disinformazione.it/

 http://www.mednat.org/

 su questi siti si noterà un orientamento ben diverso da quello ufficiale .

A mio avviso è soprattutto il primo che mette in discussione in maniera più “scientifica” e disarmante la versione ufficiale , mentre il secondo è un po' più caustico (conviene prima informarsi sul primo e poi passare al secondo)

A questo punto la gente rimane piuttosto sorpresa nonché spiazzata dalle notizie che vengono date e sono soprattutto quelli che le terapie ufficiali le fanno già da anni, pur con scarsi risultati, che fanno fatica ad abbandonare le loro teorie a cui credono da anni. Soprattutto se parliamo dei mass-media o delle versioni “ufficiali” o “universitarie” che, se vogliamo, sono più portate ad essere credute dalla gente.

Ma se entriamo dentro a “studiare” entrambe le versioni , leggendo i siti “non ufficiali” per la medicina alternativa e quelli “ufficiali” per quella ufficiale o allopatica ci accorgiamo che, in realtà, le basi scientifiche stanno maggiormente in quella alternativa: infatti, nella medicina ufficiale:

-i tumori vengono aggrediti con farmaci che distruggono tutto compreso (qualche rara volta) il tumore

-le malattie cardiovascolari si curano con farmaci che servono per ritardare l'evento mortale  ma che non influenzano minimamente la parete delle arterie (condizione fondamentale per guarire da queste)

-le malattie infettive si curano con gli antibiotici che indeboliscono il sistema immunitario e predispongono l'organismo ad ammalarsi più facilmente una volta guariti. –

 Stesso discorso per i vaccini.

– Se soffri d'insonnia assumerai dei farmaci che aumentano l'insonnia quando smetti .

– C'è poi una serie di malattie, come per esempio il m. di Alzheimer, dove esiste una cura “da protocollo” ma neppure il medico che la prescrive sa bene a cosa serva.Da quando frequento più assiduamente questi siti e da quando scrivo su queste pagine con i nuovi amici di FB ho ulteriormente rafforzato le mie convinzioni che se non si fa di meglio è perchè non si vuole fare di meglio.

Si potrebbe già fare di meglio ma qualcuno ti mette il bastone tra le ruote, in modo cinico e spietato. Ho scoperto cosi che alcune vitamine e in particolare la vitamina C potrebbero essere realmente la panacea di tutti i mali. Un trattato molto completo lo potete trovare qui: http://www.dr-rath-alleanza.org/pdf-files/corso_base_di_medicina_cellulare.pdf

 

La vitamina C potrebbe essere la cura per tutti i mali. Importanti sono anche le altre vitamine, gli oligoelementi e alcuni aminoacidi. Per quanto riguarda la terapia del cancro ci sono vari tipi di terapia alternativa: terapia Gerson, terapia Di Bella, metodo Simoncini, metodo Pantellini, terapia di Rath.

Ma in buona sostanza (a parte la Terapia Di Bella che usa farmaci ed è più complessa) sono basate essenzialmente su due linee chiave: quella della vitamina C e quella del bicarbonato di sodio. Poi ci sono aggiustamenti con aggiunta di qualche oligoelemento che ne aggiusta un po' la Terapia, ma , in definitiva, il concetto di base è che ci si puo' curare con due soldi e senza ricorrere al medico. E il problema sta proprio li'.

La cosa sconcertante è che gli effetti della vitamina C erano già conosciuti negli anni 50 con alcune sperimentazioni eseguite dal dr Pauling che , già allora, ne dimostrava l'efficacia nella regressione delle placche ateromasiche nell'arteriosclerosi e conseguente riduzione della pressione e della colesterolemia.http://www.internetwks.com/pauling/study.htm

Con metodi cinici e sofisticati le lobby farmaceutiche, con l'ausilio di quelle alimentari, hanno fatto in modo che, non solo venissero celate il più possibile le proprietà della vitamina C ma che la gente ne introducesse il meno possibile: il video qui sotto riportato è molto esplicativo di cio': http://www.youtube.com/watch?v=pP747Oru5OU&feature=related

Ricordo qualche anno fa che al telegiornale , come prima notizia, si disse che c'è un' abuso di vitamine e che queste fanno male e che potevano anche portare alla morte . Non dicevano pero' per che cosa : fu li' che ho cominciato a capire che , probabilmente, facevano “troppo” bene !

Verso gli anni '90, quando era balzata alla cronaca La Terapia Di Bella in un intervista fu chiesto a Umberto Veronesi se le vitamine potevano avere una certa efficacia . La risposta fu sconcertante: si, forse la vitamina A, ma bisognerebbe sperimentare !!! (e comunque sia poi lui non ha sperimentato un bel niente!)

In realtà il problema è che l'uomo avrebbe bisogno per vivere di un quantitativo di vitamina C nettamente superiore di quello che introduce e che è da li' che originano la maggior parte delle malattie. Il trattamento dei cibi, la cottura, i conservanti etc impoveriscono i cibi di vitamine che possono solo essere introdotte artificialmente. Inoltre lo stress della vita quotidiana , l’inquinamento e tutto cio’ che ha effetto ossidante sulle nostre cellule fa si che aumenti ulteriormente il fabbisogno di vitamina C, che è l’antiossidante per eccellenza.

D'altra parte si stabiliscono da organismi governativi, assurdi limiti, per esempio 180 mg, al di sopra dei quali sarebbe meglio non andare perchè potrebbero esserci effetti che non si sa bene quali siano. Secondo Pauling avremmo bisogno di quantità giornaliere ben superiori : 2 grammi circa! A cio' si aggiunga anche che, i preparati artificiali, in quantità eccessiva, possono dare problemi di dissenteria e calcoli renali.

D'altronde i “puri” della medicina alternativa non sono solo restii a introdurre farmaci ma qualunque cosa abbia la forma di una compressa .Di fatto curarsi con la sola dieta è impossibile: come sarebbe possibile introdurre più di due grammi di vitamina C con gli alimenti attualmente disponibili sul mercato? E come faremmo a somministrarli ai bambini notoriamente poco amanti della frutta e della verdura ?A queste problematiche si deve aggiungere che la vitamina C viene eliminata dall'organismo in 1 ora e mezza. Quindi occorrerebbe o introdurla ripetutamente durante la giornata o trovare dei preparati “ a lento rilascio” che, ovviamente, non corrispondono a quelli che normalmente vengono commercializzati nelle farmacie.

Di fatto occorrerebbe, in realtà trovare le cure giuste e farle, nelle giuste dosi sia che tu sia malato, per guarire, sia che tu non lo sia per prevenire. C’è bisogno del medico? No !C’è bisogno soprattutto di capire bene l’argomento e il problema : a questo punto ti puoi curare da solo: d’altronde sembra che qualcosa del genere l’aveva detto 20 anni fa il buon Simoncini ad un mio amico che aveva un tumore allo stomaco: è ancora vivo e vegeto ed ha lo stomaco al suo posto!

di Gian Paolo Cavallaro

gruppo facebook Lottiamo contro le lobby farmaceutiche

 

Le promesse elettorali vanno mantenute. Ed ora Repetto cosa risponderà?

Repetto_alessandro

La lettera spedita a tutti gli amministratori comunali, provinciali, regionali:

Gentile amministratore, 
lei riceve questa comunicazione che ha lo scopo di conoscere la sua personale posizione rispetto a problemi di estrema importanza dibattuti con ampia partecipazione da comitati spontanei di cittadini. 
L'intenzione di questo progetto si attesta sulla necessità di vagliare la bontà del suo lavoro nella qualità di delegato a rappresentare l'elettorato che oggi, sempre di più, riconosce la necessità di eleggere rappresentanti credibili, pena il sempre più crescente distacco dal voto.

L'oggetto di questa lettera è la cosiddetta "termodistruzione" e viene indirizzato su stimolazione di molti comitati, primo dei quali è il COMITATO PER SCARPINO che da anni è fortemente interessato al problema.
Lei conoscerà bene la questione, conoscerà la "nuova posizione" assunta dalla Provincia di Genova, per bocca del suo presidente, che si è dichiarato favorevole alla costruzione di impianti aderenti alla fattispecie su indicata, nonostante che Repetto, nella campagna elettorale del suo primo mandato, avesse posto alla base del suo programma la negazione totale di una simile possibilità, mentre il suo contendente, Roberto Bagnasco, aveva assunto posizione di totale favore e, forse per questo particolare, si ebbe una vittoria "favorita" da ciò che oggi si rivela essere stata una "menzogna elettorale".
Lei sarà a conoscenza dell'interrogazione presentata in regione dal consigliere Armando Ezio Capurro volta a conoscere la posizione del presidente Burlando sulla necessità di costruire almeno cinque inceneritori sul territorio ligure.
Lei sa bene che la salute è un particolare che il cittadino riesce a mettere con facilità al primo posto della scala valoriale della sua esistenza; da essa discendono tutte le altre componenti che fanno della "qualità della vita" un progetto forte.
Le chiediamo quindi di esprimere il suo punto di vista anche alla luce di quante innovative possibilità di alternativa alla "termodistruzione" sono nel frattempo emerse nel ciclo dei rifiuti.
Su un precedente numero del periodico DECIBEL, è nata un'ampia discussione sul tema che continuerà nelle prossime uscite e alla quale partecipano un rilevante numero di cittadini.
Grazie per la sua risposta che non dubitiamo potrà essere di sicuro interesse.

Cristiana Pelle, portavoce dei "comitaticittadini"

La resa dei conti sul gassificatore di Scarpino. Le bugie hanno le gambe corte.

Liquami

Buon anno,

l'augurio è quello che il 2011 sia l'anno della "RESA DEI CONTI", dopo l'"ubriacatura" dei festeggiamenti torniamo a occuparci di cose serie. Alternative all'incenerimento dei rifiuti scartate dalla giunta Vincenzi.
L'inceneritore di Senesi (assessore al "ciclo dei rifiuti" del comune di Genova che ama definirsi nelle interviste ..orgogliosamente Comunista, in realtà,  ha appoggiato con vigore tutto il disastroso percorso delle privatizzazioni): 
Costo impianto 244 milioni di euro, al netto delle tangenti.
Contributo CIP6 400 milioni di euro…stimato…potrebbero essere anche 500.
Rifiuti bruciati 150.000 tonnellate l'anno, l'ing. si ostina a definire l'impianto "PICCOLO" e "MODULARE".
Gli abbiamo ricordato più volte che …anche se è piccolo resti incinta lo stesso….inutilmente. Ma, visto che si tratta a tutti gli effetti nocivi, di un "IMPIANTO INDUSTRIALE" e che di "MONNEZZA" ce n'è sempre in abbondanza, come gli si può credere quando dice che …man mano che crescerà la percentuale di raccolta differenziata…(UAH!UAH!AH!AH!..ho le lacrime agli occhi!)….e i conferimenti in discarica…(UAH!UAH!AH!AH!….mi fa male la pancia!!!!!)….la gestionalità…si potrà ….anche ridurre…?????
Caro Ingegnere,  i conferimenti in discarica sono QUADRUPLICATI  NEGLI ULTIMI  5 (€€€€€€€) ANNI….3 dei quali GESTITI DA LEI…..DOCUMENTI ALLA MANO…..QUELLI BUONI, NON QUELLI TAROCCATI DI AMIU. Il costo dell'impianto verrà pagato dai cittadini con le tariffe della tassa sui rifiuti mentre il contributo CIP6 è pagato dai cittadini e dalle imprese con le bollette dell'energia elettrica.
QUESTA E' UNA TRUFFA AGGRAVATA E CONTINUATA.

UN'ALTERNATIVA DI PROGRESSO:L'impianto di riciclo "tipo Vedelago"……e altri similari e altrettanto validi. Costo impianto 5 milioni di euro.
Contributo CIP6 zero.
Costo di conferimento zero.
Rifiuti riciclati 70.000 tonnellate l'anno.
I comuni conferiscono a costi zero, grazie al contributo CONAI.
I cittadini godono di un'ambiente pulito, di tariffe e bollette meno salate.
Per Genova ce ne vogliono 2 uno a Ponente e uno a Levante.

La verità l'ho detta e ripetuta fino alla nausea, il "piccolo gassificatore" di Scarpino partirà, se non lo fermiamo, con un "potenziale di fuoco" di 150.000 ton/anno, con lo schifo di differenziata mod. Genova salirà in un anno a 300.000 ton. con i conferimenti a "gettone" provenienti da fuori provincia e regione, in 2 massimo 3 anni incenerirà 600.000 ton. l'anno, diventerà così, dopo Brescia e Malagrotta il "fiore all'occhiello" di questa amministrazione ammazzacristiani..musulmani…e tutti gli altri credenti e no.

P.S. gli Amici di Albano e dei castelli Romani, il 17 dicembre scorso, hanno vinto il ricorso al Tar e ottenuto il blocco del GASSIFICATORE dei CERRONI Boys, ci sono infatti un sacco di irregolarità ma soprattutto, un'inchiesta "molto sporca" che riguarda i trucchi dell'Arpa (….. la nostra ARPAL, PLURIINQUISITA) e dell'Acea….(….la nostra  IREN/AMIU )ebbene, secondo "loro" l'acqua della falda sotto la discarica è miracolosamente potabile. (UAH!UAH!AH!AH!…..BASTA! se no muoio!!!)
Vi chiederete che c'entra Malagrotta con Scarpino, c'entra, sempre,eccome se c'entra, Senesi si vanta di volere fare un impianto come quello di Malagrotta,  pensate che, la magistratura, il Giudice Francesco Patrone condanna la Cerroni SPA e il responsabile della discarica di Malagrotta, Francesco Rando, alla sanzione di anni 1 di arresto  per "mala gestione". Il processo doveva stabilire se era corretto smaltire in discarica rifiuti pericolosi, in particolare il percolato, i fanghi di depurazione provenienti dall'ACEA. Questa è la terza condanna penale subita dall'amministratore unico della discarica di Malagrotta, questo per dirvi dove i nostri amministratori vanno a imparare il mestiere.

ALLORA ?????? A SCARPINO NON C'E' ACQUA, ( quando hanno usato le mine per le gallerie del terzo valico, hanno ROTTO TUTTE LE VENE E CANCELLATO TUTTE LE SORGENTI …CREANDO A – 160 MT. UN LAGO SOTTERANEO……DI PERCOLATO…e fanghi, il risultato DI 42 ANNI della liscivazione e la putrefazione dei rifiuti…..pensate ……..le migliori sorgenti, trasformate in un LAGO DI MERDA.
Inutile che quei deficienti della Commissione scrivano sul loro progetto di fattibilità che …useranno i …reflui della discarica…per il raffreddamento dell' impianto è una stronzata galattica, la corrente prodotta dalla "fabbrica della morte" non basterà nemmeno per alimentare la pompa da almeno 600 KW  per pompare l'acqua del mare su…fino a Scarpino lungo una condotta lunga kilometri…..dal costo di almeno 15 miliardi di lire…nel 90. Come faccio a saperlo? Semplice, me lo ha raccontato l'ingegnere, quello vero, che nel 1990 venne incaricato di studiare la fattibilità di un inceneritore a griglia mod Termomeccanica. Venne sconsigliato apposta il sito di Scarpino proprio per questa insormontabile difficoltà. Il problema è ancora oggi insormontabile, come faccio a saperlo?….semplice, gli approvigionamenti per le docce del personale della discarica le fanno con le cisterne dalle bocche antincendio davanti a casa mia.

MORALE: solo un pazzo o degli irresponsabili potrebbero pensare di costruire l'inceneritore GASSIFICATORE in un'area con questi gravissimi problemi idrici.

George Bernard Shaw scrisse:L'uomo ragionevole si adatta al mondo. L'uomo irragionevole pretende che il mondo si adatti a lui. Perciò il progresso è opera di uomini irragionevoli.

Un grazie a Danilo Ballanti.

Felice Airoldi portavoce Comitato per Scarpino