PGT: Consiglieri di minoranza chiedono il rispetto delle regole.

Le osservazioni dei cittadini non possono essere ignorate ma vanno discusse una per una.

Majorino

Milano, oggi si è riaperta la discussione sul PGT. Gli uffici dell'urbanistica hanno accorpato le 4.000 osservazioni in 8 gruppi e vogliono votarle insieme. L'assessore Masseroli dice che in fondo un migliaio di cittadini sono solo lo 0,1% dei milanesi e che quelli che invece hanno partecipato al piano sono di più, inoltre dice che è da codardi non prendere una decisione velocemente. 
Le risposte dei consiglieri di minoranza sono state le seguenti:
Majorino dice proprio che aprire le porte alla costruzione di 180 grattacieli favorisce alcune immobiliari inoltre chiede, perché proprio adesso il 26 gennaio? Gli uffici ci hanno messo un mese per accorpare le osservazioni, la discussione arriva oggi, sembra che la maggioranza abbia difficoltà a riunire i suoi consiglieri
Landonio ricorda che se il piano verrà votato in due giorni con 8 votazioni si potrebbe anche fare ricorso al TAR per invalidare il documento perché, spiega il consigliere, sono state messe insieme tematiche non omogenee ossia sono messe insieme per omogeneità di procedura e non di contenuto ad esempio sono state raggruppate tutte le osservazioni sugli ATO ma queste non sono tutte uguali, ci sono quelle per aumentare il verde, quelle per le infrastrutture ecc… Vanno tolte solo quelle ovvie ed accorpate quelle molto simili, se non si fa questo  qualsiasi cittadino potrà eccepire che la propria osservazione non è stata tenuta in conto. 
Milly Moratti ribadisce la volontà di votare uno strumento legittimo, ricorda che la Regione ha osservato che manca un vero piano di housing sociale, 5.000 alloggi non bastano.
Merlin fa notare che gli uffici lavorando a cottimo hanno impiegato un mese per accorpare le osservazioni mentre i consiglieri hanno avuto pochi giorni per leggere le controdeduzioni, giorni che sono stati pieni di commissioni e sedute del consiglio inoltre i consiglieri, non potendo più mettersi in aspettativa devono anche andare a lavorare.
Fedrighini propone di chiedere alla Regione una proroga di un anno per l'approvazione del PGT.
Rizzati dice che è inaccettabile che i privati ricoprano una funzione pubblica. Sostiene che è evidente che rilanciare l'economia non è nelle loro priorità e fa notare che il PGT arriva a soli 6 mesi alla fine del mandato mentre doveva essere il cavallo di battaglia della loro candidatura evidenziando una mancanza di vero dialogo con la città.
Ugliano ricorda i casi di edificazioni industriali spacciate per residenziali con bonifiche non effettuate e alle interrogazioni in merito dice che l'assessore non ha mai risposto
Grassi dice che questo PGT è scritto per i proprietari di terreni che usufruiranno delle risorse del comune per operare secondo una cieca logica di mercato
Gentili sostiene che lo sviluppo del territorio non si possa ridurre all'aumento delle volumetrie ma all'aumento della qualità della vita
Patrizia Quartieri dice che il tema dell'ascolto della città è importante e previsto per legge, non una gentile concessione. Non è vero che chi non prende una decisione è un codardo, il mio dovere è chiedere che le osservazioni siano discusse in aula una per una qualora  non siano sovrapponibili. Molte osservazioni vanno sulle stesse linee che alcuni enti ci hanno presentato ad esempio la ASL  fa notare che nel PGT non ci sono valutazioni per quanto riguarda l'aumento della popolazione in merito all'aumento dell'inquinamento atmosferico, acustico e sulla mobilità.

5 ore d'interventi finché non è stata chiusa la seduta su richiesta del consigliere Mardegan.

Attendiamo domani la replica di Masseroli.

di Cinzia Bascetta

Un commento su “PGT: Consiglieri di minoranza chiedono il rispetto delle regole.”

  1. Milano 27 gennaio 2011, il consiglio comunale si riaggiorna a domani, manca il numero legale perché abbia luogo la seduta. Ma i consiglieri di maggioranza come vogliono approvare il loro PGT se nemmeno si presentano in comune?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *