Ennesima dimostrazione….

Ecco come Vito Crimi e Brescia point mi rispondono:

Fango e risentimento sul MoVimento 5 stelle
Lunedì 25 Ottobre 2010 07:49

In ogni gruppo c'è chi dissente, ed è bene che sia così, perchè questa è la democrazia. Però quando un gruppo come quello del Movimento 5 stelle da piccolo comincia a diventare una realtà in tutto il territorio nazionale, allora le persone che dissentono e cercano di gettare del fango (sul lavoro di molti) aumentano. Però non bisogna fermarsi alla prime accusa, occorre scavare, chiedere la versione dei fatti ad altre persone e alla fine farsi un idea.

Noi c'è la siamo fatta ed ecco perchè ora diamo spazio a quello che per noi è la verità. Cinzia Bascetta, l'autrice dell'articolo che cerca di screditare il movimento, è stata allontanata, cioè una persona è stata allontanata da tutto il movimento, ovviamente non l'avrà presa bene, ecco perchè dell'accusa, ma più importante ecco perchè ora noi pubblichiamo la risposta del diretto interessato.

D'altronde come ha detto proprio Beppe Grillo a Vito Crimi su questa vicenda: "…non ti far mordere l'uccello dalle mosche…"

Dal Blog di Vito Crimi

Mi trovo costretto ad inaugurare questo blog con la risposta ad alcuni articoli apparsi su di un sito contenenti accuse infondate sulla mia persona e sul movimento 5 stelle in Lombardia.

Nessuno, tanto meno il sottoscritto, ha mai accampato alcuna titolarità o esclusività nell’utilizzo del simbolo del MoVImento 5 Stelle. Nessuno ha impedito a chiunque volesse utilizzarlo di farlo nei propri blog, profili, video, foto o banchetti, ritenendo quel simbolo una risorsa comune, il concentrato delle idee per cui lottiamo, e non un semplice “marchio” di cui difendere l’esclusiva.

A fronte, però, delle pressanti richieste di dimostrazione dell’autorizzazione da parte di chi vede in quel simbolo solo una quesitone di “proprietà”, confermo di essere stato autorizzato, con delega scritta e confermatami verbalmente dall’interessato,direttamente da Giuseppe Grillo all’utilizzo del simbolo del MoVimento 5 Stelle, e che tale autorizzazione è in vigore fino a revoca da parte del blog, e trova la sua conferma nell’autorizzazione ad utilizzare i canali ufficiali di comunicazione del blogwww.beppegrillo.it/listeciviche/liste/lombardia . Chiunque abbia dubbi in merito avanzi richiesta formale di chiarimenti allo staff di Beppe Grillo. Il documento di autorizzazione è stato depositato presso l’ufficio elettorale della Corte d’Appello di Milano, ed è accessibile da chiunque con apposita richiesta di accesso agli atti.

L’articolo, con ignoranza, fa riferimento alla delega alla presentazione della lista provinciale, avvenuta il giorno 26 e 27 febbraio 2010. Procedura obbligatoriamente richiesta dalla legge. Dette persone, una per ogni provincia, erano autorizzate a depositare il simbolo presso gli uffici elettorali preposti e null’altro. L’autorizzazione di Beppe conteneva anche la facoltà di sub-delega, infatti è stata elaborata una seconda versione dallo staff di Beppe per sopperire alle esigenze di una legge elettorale (per le regionali) differente da quella per le comunali, in cui dovevano esserci delegati diversi per ogni provincia.

Riportare stralci di conversazioni avvenuti su di un forum, avulsi dal contesto nel quale sono stati inseriti (spesso scritti in un contesto ironico), oltre a non dimostrare assolutamente nulla è la prova di un tentativo maldestro e malevolo di diffamazione portato avanti da persone che hanno intrapreso come missione infangare il sottoscritto e il Movimento per voglia di protagonismo e per manifesta frustrazione da isolamento dal gruppo per incompatibilità caratteriale.

Il dissenso è un esercizio di democrazia che mai è stato eliminato o limitato, e chiunque sostenga il contrario deve dimostrarlo. Quando il dissenso diventa offese personali, accuse infondate, spamming, il tutto condito  da ignoranza e ricerca di visibilità a tutti i costi, non è più dissenso democratico ma dissenso distruttivo.

Il MoVimento 5 Stelle in Lombardia non è fatto da 4 persone isolate che da mesi, ossessionate dalla visione di complotti inesistenti, perseguono come obiettivo infangare e screditare il movimento stesso, ma è composto da migliaia di persone valide che vogliono solo che un vento di cambiamento soffi con decisione in questa regione da troppo tempo in balia di una classe politica collusa con i poteri economico/finanziari e criminali.

Gli unici riferimenti ufficiali del MoVimento 5 Stelle in Lombardia sono il sito internet www.lombardia5stelle.org e il blogwww.beppegrillo.it/listeciviche/liste/lombardia/

Vito Crimi 

 

______________________________________________

Ne sono venuta a conoscenza per caso, il diretto interessato non me ne ha data notifica né mi ha chiesto di pubblicare la sua risposta ma io lo faccio lo stesso, tra l'altro sul blog di Vito Crimi, non compare il mio articolo da nessuna parte, quindi non si capisce a cosa stia rispondendo ed è persino chiuso ai commenti…. Si direbbe che Crimi preferisca rispondere raccontando il mio articolo piuttosto che farlo leggere e poi commentarlo, spiegando e chiarendo laddove ci siamo sbagliati. Secondo Brescia point io sarei stata allontanata da tutto il movimento 5 stelle…. i signori rimarcano proprio "cioè una persona allontanata da tutto il movimento 5 stelle". Scusate, chi è il movimento 5 stelle? Sono gli iscritti al coordinamento Lombardia, tutti gli iscritti al movimento sul blog di Giuseppe Piero Grillo o è Vito Crimi? Questo particolare è fondamentale perché a me non è arrivata nessuna notifica ufficiale riportante le motivazioni e nemmeno mi risulta di essere antipatica a tutti…. Quindi è soltanto il parere di persone che ascoltano solo una campana… Inoltre Crimi, nella sua risposta vuol far credere che qualcuno abbia messo in discussione il fatto che lui abbia delega all'uso del simbolo mentre è avvenuto proprio il contrario. Volevamo che lui facesse chiarezza e che dicesse chiaramente a tutti che nonostante le elezioni fossero terminate lui aveva ricevuto, o aveva ancora, tale delega, questo perché pensavamo che la trasparenza stesse alla base del movimento 5 stelle. Sui chiarimenti fatti da Crimi restano ancora dubbi, difatti Crimi prima afferma che la delega serviva solo a "depositare" le liste provinciali mentre poi dice che la legge regionale obbligava ad "avere" un delegato per provincia….?

Comunque a me non sembra un argomento su cui scherzare tanto, se per Crimi invece il contesto era ironico…. ad ogni modo è stata data la possibilità, con apposito link di leggere anche l'intera discussione, quindi se era ironico, chi ha letto l'avrà sicuramente capito.

In merito alla risposta di Giuseppe Piero Grillo, citata da Brescia Point, avrei da dire che i consiglieri comunali a cui facciamo fiato sul collo hanno decisamente più classe e rispetto.

di Cinzia Bascetta

Brescia Point

blog di Vito Crimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *