Meglio attivi oggi che radioattivi domani!



 

        Dieci buoni motivi per non fare le centrali nucleari:

  1. Le centrali nucleari non sono convenienti economicamente, dal 1978 nessun privato investe sul nucleare in nessun paese, lo stato italiano garantisce ai privati il ritorno dell’investimento con i cip6 (soldi presi da un apposito aumento delle nostre bollette)
  2. Le centrali costeranno 30 miliardi di euro (e non 15), l’Italia ne ha investiti solo 2,6 sulle energie rinnovabili 
  3. Le centrali di quarta generazione saranno possibili solo fra trent’anni, in Italia si parla di centrali di terza generazione (che non garantiscono sicurezza)
  4. Le centrali nucleari offrono la base tecnica per fare bombe atomiche
  5. Produrre 1 Kw con una centrale nucleare costa 6.000 euro, con il fotovoltaico 4.000
  6. Smantellare una centrale costa in proporzione con quanto prodotto dalla stessa 6.ooo euro al Kw 
  7. Terna ha fatto un progetto per sistemare le linee di alta tensione  per risparmiare 4.800 Mw che è quanto produce una centrale nucleare
  8. E’ possibile produrre altrettanta energia elettrica con il fotovoltaico, la si può mettere in rete ed utilizzare quando si vuole
  9. L’Italia investirà 30 miliardi di euro per 4 centrali da 1.600 Mw l’una mentre in solo un anno il fotovoltaico in Italia è aumentato di 1.600 Mw
  10. Il fotovoltaico non necessita dei grandi elettrodotti che causano leucemie perché le reti sono locali inoltre le abitazioni, gli uffici etc… diventano autosufficienti

 

Un commento su “Meglio attivi oggi che radioattivi domani!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *